2 giugno 2019

Prima Pagina





IL ROMANZO GIALLO
Confessioni e Meditazioni
di
Augusto De Angelis

Augusto De Angelis nasce a Roma il 28 giugno 888. Studia legge, ma la sua passione è il giornalismo in cui esordisce giovanissimo.[...]
Della sua notevole produzione ci restano i romanzi polizieschi, saggi tra cui questo sul Giallo, un personaggio come il commissario De Vincenzi raro nella nostra letteratura e una Milano che in certe zone centrali stenti a raccapezzarti, che suscita curiosità e nostalgia.
(leggi su acasadiframe⇩)


                                                                                                          

Aggiornamento
La collezione comprende oltre 220 racconti d’autore.
Scrittori di successo: Italiani e stranieri - classici, contemporanei e di tutti i generi. Capolavori della NARRATIVA BREVE: Novelle – Racconti Brevi– Racconti Lunghi - Romanzi Brevi in formato PDF – Word – EPUB.



ULTIMI eBook


➽IL MIO SIGNORE PADRONE - Andrew Klavan
➽IL PICCOLO ASSASSINO - Ray Bradbury
SUICIDI - Cesare Pavese
➽GRANAI INCENDIATI - Haruki Murakami

IL MIO SIGNORE PADRONE - Andrew Klavan


SCHEDA

Autore: Andrew Klavan (1955 USA)
alias: Keith Peterson
Titolo: Il mio Signore e Padrone
tit. originale: Her Lord and Master
Genere: Racconto Mistery

Descrizione
Andrew Klavan, che scrive anche sotto lo pseudonimo di Keith Peterson, ha vinto due Edgar pur non entrando mai nella lista dei libri più venduti. Tuttavia ha avuto grande successo a Hollywood dove Clint Eastwood ha diretto e interpretato Fino a prova contraria (True Crime), la storia di un giornalista che cerca di salvare un uomo innocente; altri interpreti del film sono Isaiah Washington, James Woods, Denis Leary e Lisa Gay Hamilton. Due anni dopo Michael Douglas e Famke Janssen hanno recitato in un altro film tratto da un romanzo di Klavan, Don't Say a Word.

Il mio parere?
Ho scoperto che questo racconto è stato scritto molti anni prima della pubblicazione, pare per controversie con il suo agente letterario che riteneva il soggetto troppo scabroso e controverso. Poi è uscito per la prima volta nel 2005 (New York - Misterious) e nell’anno successivo ha ricevuto il premio come “The Best American Mistery Stories”.     In Italia è stato inserito nella raccolta “Donne Pericolose” edito da Piemme in edizione economica nel 2007. Un gioiellino questa raccolta curata da Otto Penzler, di short storie che ho trovato recentemente su una bancarella al prezzo di 1€, con nomi prestigiosi quali: Ed McBain – Elmore Leonard e Joyce Carol Oates.


30 maggio 2019

SUICIDI - Cesare Pavese

SCHEDA


Autore: Cesare Pavese (1908-1950)
Titolo: Suicidi (1938)
tratto da. Tutti i Racconti (Mondadori)
Genere: Racconto classico

Descrizione
[…] Questi racconti si datano attorno al '38 e precedono di poco gli ancora più fusi e risolti «Suicidi » e « Villa in colli¬na ». Nel primo, «Suicidi », è abbastanza evidente il tono che Pavese, in una pagina di diario, attribuisce alla propria narrativa: « ... di acqua che si schiarisce e tutto traspare impreveduto... »: un tono comunicativo e colloquiale che, nella memoria, può chiarire un dramma e un nodo di situazioni già destinate, la storia di un amore che fu impossibile e che diviene accettabile solo nel ricordo.
(Marco Forti- Intr.ne a Racconti- Einaudi/Mondadori)

Il mio parere?
In questo racconto Pavese opera uno scambio di ruoli: la parte del più debole in amore, questa volta, l’affida a Carlotta, una giovane cassiera con un matrimonio fallito alle spalle. Anche il protagonista maschile, pur nella parte di "colui che fugge", non sta messo molto meglio, sentite: “Quando conobbi Carlotta, uscivo da una burrasca che per poco non m’era costata la vita…” Poi continua dicendo: “provavo un’amara ilarità a ritornare nelle vie deserte fuggendo da chi mi amava”. Il titolo è già sin troppo eloquente, anche il finale sembra già scritto.
(frame di Maggio 2019) 


1 maggio 2019

IL PICCOLO ASSASSINO - Ray Bradbury


SCHEDA

Autore: Ray Bradbury
Titolo: Il Piccolo Assassino  (1946 )
tratto da: I Massimi della Fantascienza (Mondadori 1976)
Genere: Racconto - Suspens Fiction

Descrizione
Il piccolo assassino di Ray Bradbury, che si dice abbia in piccola parte contribuito ad ispirare il noto film orrorifico Rosemary's Baby: in realtà nel racconto di Bradbury non c'è nulla di orrorifico, ma una riuscita, silenziosa, sottile atmosfera di attesa, che purtroppo si smorza in un colpo di scena finale inadeguato e previsto dal lettore.
C. Fruttero- F.Lucentini

Il mio parere?
L'autore di Cronache Marziane non ha scritto soltanto fantascienza, anzi, sono numerosi i suoi racconti di altro genere. Questo racconto è uno di quelli difficile da etichettare. Ho scelto Suspense Fiction perchè mi sembra il genere che più si avvicina.
La trama è molto semplice: Una coppia porta a casa il loro nascituro, ma la mamma pensa che ci sia qualcosa di malvagio in lui. Il marito ed il medico di famiglia sono scettici, almeno all’inizio. Poi succede qualcosa che, purtroppo, ti aspetti. Ho deciso di pubblicarlo perchè, nonostante tutto, è considerato un classico del suo genere.
(frame maggio 2019)

30 aprile 2019

GRANAI INCENDIATI - Haruki Murakami


SCHEDA

Autore: Haruki Murakami (1949 Giappone)
Titolo: Granai Incendiati
Tratto da: L'Elefante scomparso
e Altri Racconti (Einaudi -2009)
Genere: Racconto - Mainstream -
Descrizione
Situazioni quotidiane, ma sempre in bilico con l’assurdo, animano le pagine di questa sorprendente raccolta di racconti di Haruki Murakami. Apprezzato in tutto il mondo per il suo stile delicato e le trame surreali, il grande scrittore giapponese ci offre un’antologia del suo mondo poetico, composta di diciassette brani che più che a racconti assomigliano a viaggi nella psiche e nel sogno. Di particolare impatto visivo, “Il nano ballerino”, in cui spiccano scenari onirici che rimandano alle opere di David Lynch, come anche “Il mostriciattolo verde”, colorata e bizzarra metafora della superficialità umana. Ma in ogni singolo racconto, benché celata dalle immagini simboliche proposte dalla fantasia dello scrittore, è possibile ritrovare un’analisi profonda dei comportamenti, e delle più segrete dinamiche dell’animo umano. I racconti in questo senso assomigliano a piccoli quadri, pittoresche istantanee rubate alla vita, nelle quali ognuno può riconoscere i propri vizi, le proprie debolezze, le proprie fantasie. Come in “Granai incendiati”, in cui un uomo dà fuoco ai granai solo per il gusto di vederli bruciare, o ancora ne “Il secondo assalto a una panetteria”, in cui una giovane coppia assalta un fast food solo per realizzare un segreto desiderio adolescenziale.
(Donna Fashion)
Il mio parere?
Non so perchè ma piace tanto alle donne. Io lo trovo strambo. Difficile, quasi impossibile definire il genere: in questi racconti  si va dallo psicologico al fantasy /fantasioso con tendenze al rosa piccantino. Insomma un bel risotto. A proposito di riso, se non fosse un orientale, quindi molto diverso da noi per cultura e mentalità, direi che è soltanto un furbacchione. Anzi, lo è di sicuro, però si può permettere un ottimo traduttore e anche solo per curiosità vale la pena di leggerlo.
(Frame)



26 aprile 2019

STAND BY - Marcello Fois


SCHEDA

Autore: Marcello Fois (1960 ITA)
Titolo: Stand By
tratto da : Piccole storie nere (Einaudi 2002)
Genere: Racconto - Noir

Descrizione:
Se i morti rispondono al telefono, se le viscere della terra si aprono per inghiottire un segreto, se un vecchio dolcissimo salva il suo universo dopo averlo abbandonato, se tre ragazze festeggiano il Capodanno con piccoli brividi e grandi delitti, questo libro spalanca un mondo che è un’esatta caricatura del nostro.
Eccolo di nuovo all’opera, Giacomo Curreli, commissario di Polizia che viene da lontano: da luoghi di carta e di terra, da altri libri e da altri mondi. Eccolo lí, lui che ha sempre pensato alla Giustizia come a «una vecchia signora vilipesa e patetica, stanca», da difendere con convinzione e malinconia, schiaffato d’improvviso di fronte ai casi più pazzi e sbilenchi, alle storie piú inabitabili della sua carriera.
Perché se finora Giacomo Curreli ha calpestato, sulla carta, solo il suolo sardo, lavorando con foga certosina sulle macchie di una terra che affonda le sue radici nel sangue, adesso è costretto a rimbalzare su e giú per l’Italia, da Roma a Fidenza, da Parma a Torino, alla ricerca di una giusta destinazione che non c’è. E i casi che deve risolvere questa volta sembrano pensati da un demiurgo in vena di scherzi: partono che sembrano veri, ma deragliano in direzioni impensate. L’elemento fantastico o soprannaturale piove all’improvviso dentro la realtà, e la spiazza.
E lui lí, testimone incredulo e sempre identico a se stesso, identico a quel bambino che era un tempo, assurdamente vestito da angelo della Giustizia in una squallida recita scolastica.
(Einaudi)
Il mio parere?
Pregi:
E' un libro ancora in commercio e mi auguro che questo racconto stimoli qualcuno a cercarlo in libreria. Perchè? Ma perchè la penna di Marcello Fois è di primissima qualità e poi perchè questo professore sardo-bolognese mi sta simpatico. Ho scelto questa storia del commissario Curreli perchè tra quelle all'indice mi è sembrata la più incredibile assurda e strampalata di tutta la raccolta.
Difetti:
L'inizio non mi ha del tutto convinto: non si capisce bene a quale telefono attribuire il primo squillo. La parte centrale, cioè il monologo al telefono della fidanzata incazzata doveva e poteva essere più stringato, per contro il finale risulta striminzito e frettoloso.
           

25 aprile 2019

LA LEZIONE DI PIANO - Katherine Mansfield


SCHEDA

Autore: Katherine Mansfield (1888 - 1923 NZ)
nata: Kathleen Mansfield Beauchamp
Titolo: La Lezione di Piano 1920
tratto da: Beatitudine e altri Racconti
Genere: Racconto Breve Psicologico.

Descrizione:
"In questo racconto l’autrice indaga i sentimenti della protagonista con una sensibilità tipicamente femminile. L’originalità narrativa consiste nella corrispondenza tra stato d’animo e ritmo musicale: al mutare del primo corrispondono i brani corali che la signorina Meadows fa cantare alle sue allieve."
Questo è quanto di più breve, sintetico ed esaustivo che abbia trovato sul web:
Il mio parere?
Raramente mi è capitato di leggere racconti di carattere psicologico senza annoiarmi. Anche questo non è facilissimo da leggere, bisogna seguire molto bene la punteggiatura per distinguere i pensieri dai dialoghi. Però è breve, neppure duemila parole, ed è scritto magistralmente. Il finale poi è all'altezza di un incipit che non ho difficoltà a definire strepitoso.
Incipit:
Con la disperazione - fredda- acuta disperazione - conficcata in fondo al cuore come un perfido coltello. Miss Meadows, con toga, tòcco e bacchetta in mano, percorreva i freddi corridoi che portavano alla sala da musica. Ragazze di tutte le età, rosate dal vento, traboccanti dell’allegra eccitazione della corsa verso la scuola nella bella mattina d’autunno, le si affrettavano, le saltellavano, le svolazzavano intorno: dalle aule echeggianti veniva un fitto tamburellare di voci: suonò una campana: una voce come di uccello gridò: «Muriel». E poi dalle scale, pam, patapam, venne un tremendo fracasso. A qualcuna era caduto il manubrio da ginnastica...


          


19 aprile 2019

LA MITE - Fedor Dostoevskij



SCHEDA

Autore: Fedor Dostoevkij (1821 - 1881) Mosca
Titolo: La Mite (La Mansueta) 1876
tratto da: Il diario di uno Scrittore
Genere: Racconto lungo (16000 parole ca.)

Descrizione
La leggenda vuole che il racconto sia stato scritto il giorno stesso della morte di sua moglie. In realtà, la stesura del testo definitivo ha richiesto ben sette anni. Ad ispirare Dosto pare sia stato il suicidio di una giovane donna di San Pietroburgo. Il giornale locale parlava di "Suicidio mite". o "Suicidio di una donna mite". In ogni caso , secondo gli esperti di Wikipedia il racconto lungo è considerato un esempio di: "lacerante monologo interiore di un uomo permaloso e superbo". Anche "...una delle storie di disperazione più potenti nella letteratura universale", e per quel che riguarda la tecnica narrativa "...forse il più riuscito saggio di monologo interiore di tutta l'opera dostoevskiana.
Il mio parere?
Sì, forse è troppo lungo da leggere sul web, meglio su carta; forse i ritmi sono troppo lenti, ma la prosa di Dosto è insuperabile. Un racconto che merita di essere considerato tra i capolavori della narrativa breve di tutti i tempi.
(frame)

11 aprile 2019

NATA MALE - Jeffery Deaver


SCHEDA

Autore: Jeffery Deaver (1950 Usa)

Titolo: Nata Male
Tit. originale: Born Bad 2005
Tratto da: Donne pericolose (Piemme 2006)
Genere: Racconto breve - Thriller

Descrizione
J.D. faceva il giornalista quando decise di frequentare la facoltà di giurisprudenza per poter scrivere di argomenti legali. Invece praticò la professione per parecchi anni e durante lunghi trasferimenti cominciò a scrivere thriller di grande successo. E' stato candidato a quattro premi Edgar e tre volte ha vinto l'Ellery Queen Reader's Award per il miglior racconto dell'anno. I suoi romanzi con linclin Rhyme sono costantemente nella lista dei bestseller; il Collezionista di ossa (The Bone Collector) è diventato un film con Denzel  Washington nel ruolo dell'ex agente della Scientifica paralizzato e Agelina Jolie in quello della giovane poliziotta che cattura il serial killer.

9 aprile 2019

LO STRANO VOLO DI RICHARD CLAYTON - Robert Bloch


SCHEDA

Autore: Robert Bloch (1917- 1994) USA
Titolo: Lo strano volo di Richard Clayton
Tit. originale: The Strange Flight of Richard Clayton 
Tratto da:
Genere: Racconto -Fantascienza

Descrizione
Si può dire che Robert Bloch abbia bazzicato nel mondo della fantascienza per molto tempo, essendo stato in gioventù uno dei membri del «Lovecraft Circle». Benché principalmente scrittore del sovrannaturale e del macabro, ha scritto anche eccellenti racconti di fantascienza, molti dei quali sono pubblicali nelle raccol­te Atoms and Evil (1962) e The Best of Robert Bloch (1978). La sua abilità come oratore da salotto nasconde un vero talento per l'emozionante e l'inatteso, come dimostra il suo romanzo, non di fantascienza, Psycho. Ha ricevuto altresì un Hugo Award, distinzione non facile da ottenere, per un'opera di fantasia. That Hell bound Train (del 1958. premiato nel 1959).
I viaggi spaziali sono, per troppe persone, già pura fantascienza, nonostante l'e­splorazione dell'infinito spazio sconosciuto ci abbia regalato molti bellissimi rac­conti... come i viaggi immaginari.

7 aprile 2019

DAMMI IL TUO CUORE - Joyce Carol Oates


SCHEDA

Autore: Joyce Carol Oates (1938 USA)
Titolo: Dammi il tuo cuore
tit. originale: Give Me Your Heart 2005
tratto da: Donne Pericolose (Piemme2005)
Genere: Racconto Noir

Descrizione:
Un'amante respinta scrive una lettera all'uomo che l'ha lasciata ventitré anni prima. Vuole che le doni il suo cuore quando morirà. E succederà presto. Un uomo entra in un bar e incontra una bionda mozzafiato che gli chiede candidamente: "Perché stasera non uccidiamo qualcuno?". Non sa ancora che la vittima prescelta sarà lui...
Tra i più celebri autori viventi si annovera senza dubbio J.C. Oates, una dei più grandi anon aver ancora vinto il Nobel. Autrice eclettica e eccezionalmente prolifica, ha ricevuto numerosi riconoscimenti accademici ed è stata tre volte volte candidata per il premio Pulitzer.

26 marzo 2019

DELITTO D'ONORE - Oreste Del Buono


SCHEDA

Autore: Oreste Del Buono (1923- 2003) I
Titolo: Delitto d'Onore
tratto da: Delitti per Un Anno
(Venti Cinestorie Nefaste) Rizzoli 1975
Genere: Racconto breve, noir

Descrizione
Questa silloge di venti racconti è stata pubblicata da Rizzoli nella collana «La Scala». Il titolo, potrebbe trarre in inganno il lettore, dato che non si tratta di leggere storie poliziesche, bensì di feroci racconti ambientati nel mondo del cinema italiano «dove è la perfidia a fungere da costante» Parrebbe dunque che in questa raccolta Oreste del Buono abbia voluto abbandonare i riferimenti autobiografici, per unire due sue grandi passioni: il cinema e il giallo. Com’è noto, infatti, del Buono è stato un affermato critico cinematografico e uno dei massimi Delitti per un anno 58 esperti in Italia del genere giallo, di cui in Delitti per un anno ha rielaborato le atmosfere e lo stile.

25 febbraio 2019

COME GLI INDIANI - Eraldo Baldini


SCHEDA

Autore: Eraldo Baldini (1962)
Titolo: Come gli Indiani
Tratto da: Bambini, ragni e altri predatori
© 2003 Giulio Einaudi editore s.p.a., Torino
Genere: Racconto gotico

Per trovare creature maligne o mostri sanguinari è sufficiente spostarsi nella Pianura Padana. Tra paludi piene di segreti, nebbie invernali, boschi minacciosi o spiagge rinomate si annida un demone oscuro, pronto a emergere in forma di orrore ogni volta che si apre una crepa nel tessuto scintillante: come per esempio accade con i giorni delle feste, o con l'infanzia, che può apparire naturalmente «mostruosa». O con gli animali, così irriducibili a noi. Ecco perché una bambina con gli occhi persi nel vuoto, un ragno enorme, dei pescatori in cerca di una misteriosa preda, una qualsiasi altra creatura, possono ergersi di fronte a noi come terribili predatori. Non sempre innocenti. Combinando fantasia e inquietudine a volontà, i racconti di Baldini sono una calamita che attirano e non mollano fino all'ultima pagina.
 Eraldo Baldini è nato e vive a Ravenna. Nei suoi romanzi e racconti coniuga «gotico rurale», noir e horror in una vena originale.
(EinaudiBologna)
 

23 gennaio 2019

CIGNI SELVATICI - Alice Munro


SCHEDA

Autore: Alice Munro (1931 Canada)
Titolo: Cigni Selvatici
Titolo or. : Who Do Think You Are? (1977)
tratto da: Chi ti credi essere- Einuaudi
Genere: Racconto Breve

Descrizione:
Come dieci capitoli di un anomalo romanzo di formazione, i racconti di questa formidabile raccolta delineano con sapienza il personaggio di Rose, privilegiando il ruolo che il rapporto con la matrigna Flo ha avuto nel complesso definirsi della sua identità. La voce da cui riceviamo le storie è quella di un narratore provvisoriamente onnisciente il quale organizza in ordine cronologico episodi della vita di Rose lasciando che emerga dalla loro successione il conflitto tra desiderio di fuga e consapevolezza della necessità di restare. Rose è la bambina ribelle e pensosa del primo racconto, punita a cinghiate da un padre imperscrutabile e chiuso; Rose è l’avida lettrice che tiene a bada il pensiero del padre ammalato e l’insofferenza alle meschinità di casa a furia di Shakespeare e Dickens; è l’adolescente in viaggio dalla piccola West Hanratty a Toronto, vittima e complice di una sordida iniziazione sessuale ad opera di un impassibile ministro del culto. Ma Rose è anche la giovane innamorata del modo in cui sembra amarla Patrick Blatchford, dottorando in Storia presso la stessa università che le ha aperto le porte grazie a una borsa di studio; è la donna coinvolta in una relazione extraconiugale destinata a concludersi nell’amarezza; è la madre nervosa di una bambina piú saggia di lei, ed è infine la donna matura che torna là dove tutto era cominciato e ritrova, nel tono brusco e inclemente di Flo, ormai prossima al ricovero in casa di riposo, il filo ininterrotto di un’esistenza interiore, e il ricordo dell’unico amore mai raccontato...
Susanna Basso su IBS
   

10 gennaio 2019

UNA STORIA SEMPLICE - Leonardo Sciascia


SCHEDA
Autore: Leonardo Sciascia (1921-1989)
Titolo: Una Storia Semplice 
(1989- Bompiani)
Genere: Poliziesco
Sottogenere: Racconto lungo (8500 parole)

Descrizione
Giorgio Roccella, un diplomatico in pensione, che dopo la separazione dalla moglie abita con il figlio a Edimburgo, ritorna in Sicilia, nel paese d’origine, perché desidera recuperare due pacchetti di lettere, uno indirizzato da Garibaldi al bisnonno e l’altro da Pirandello al nonno. Comunica queste sue intenzioni al vecchio amico professor Carmelo Franzò,  con il quale pranza, prima di farsi portare da un taxi nel proprio villino di campagna, abbandonato da anni, dove intende stabilirsi. Appena giunto nella vecchia dimora, Roccella telefona all’amico Franzò, meravigliato per due fatti insoliti: l’installazione, mai richiesta, di un telefono e il ritrovamento di un famoso quadro scomparso da diverso tempo.
Roccella informa anche la polizia, in quanto ha scoperto nella sua abitazione qualcosa di cui non indica la natura...
(Leonardo Sciascia web)
            

3 gennaio 2019

LA CROCIATA DELL'IDIOTA - Clifford D. Simak


SCHEDA

Autore: Clifford D. Simak (1904-1988) USA
Titolo: La Crociata dell'Idiota
titolo Originale: Idiot's crusade 1954
Tratto da: Alieni e No (Urania Mondadori)
Genere: Racconto Fantascienza (5700 parole)


Descrizione

Fra gli scrittori che hanno dedicato la loro attenzione agli svariati abitanti del nostro ampio universo, sia su pianeti lontani sia in dimensioni parallele, Simak è senza dubbio quello che si è sempre cimentato in questa non facile impresa con un’inventiva e un senso dell’umorismo (spesso venato di malinconia) a dir poco magistrali. 
Anche questa storia narra di incontri fra gli umani e le creature di altri universi. Come sono? Cosa pensano? E soprattutto, tenendo conto del fatto che quasi sempre siamo noi a imporre loro la nostra presenza, come intendono comportarsi con la razza di Adamo ed Eva?
(font: varie dal Web)

                


30 dicembre 2018

LA NOVELLA DEGLI SCACCHI - Stefan Zweig


SCHEDA

Autore: Stefan Zweig (1882-1942) Austria
Titolo: La novella degli scacchi
Tit. Originale: Schachnovelle (1943)
Genere: Racconto lungo - Novella

Descrizione
Si tratta di un racconto in cui l’elemento centrale è lo scontro tra due personalità antitetiche: un rozzo campione di scacchi totalmente privo di immaginazione contro un avvocato di buona educazione il cui gioco è fondato sulla sua capacità visionaria.
Non è difficile trovare in questo breve racconto un forte simbolismo : Mirko Czentovic  (il campione del mondo in carica) non rappresenta altro che quella politica volgare, prepotente e distruttiva del Nazismo contro la cultura, l'Europa aperta e libera, raffigurata nel personaggio del dottor B. schiacciata nella sua integrità. La scacchiera diventa quindi emblema della forza intellettuale, del non sottomettersi, della libertà.
Ma qui non c'è speranza, non c'è aiuto, quel che era una cura si trasforma in follia e...  

( appuntuario)



12 dicembre 2018

STORIA DI UNA GAMBA - Iginio Ugo Tarchetti


SCHEDA

Autore: Igino Ugo Tarchetti (1839-1869)
Titolo: Storia di una gamba
Tratto da:
Storia di una gamba e altri racconti fantastici
Genere: Racconto lungo

Descrizione:
Racconto lungo sul tema della morte. Grottesco - Umoristico - Gotico

"Strana cosa! Conobbi molti uomini che arrossivano di essere onesti, e soprattutto di essere sensibili; vivevano in una continua contraddizione, in una lotta perpetua coi loro principii e collo sforzo che facevano di dissimularli. Tutti o quasi tutti finirono col diventare disonesti. Mi spaventò spesso questo raggomitolarsi, questo accovacciarsi che fa la bontà nel fondo della coscienza, questo atteggiarsi a vergogna. Preferii sempre la disonestà aperta, come un filosofo celebre preferiva ad un nemico equivoco un franco odiatore. Temo che non venga un giorno in cui il vizio abbia a pretendere a buon diritto l'omaggio dovuto alla virtù; in cui s'abbia a dire, a mo' d'esempio: «Meno male! Mi rallegro in vedere che la corruzione incominci a penetrare nelle famiglie». «Chi è che ha commesso quella buona azione? Lo denuncieremo al rigore delle leggi.» Certo non arriveremo a tanto, ma chi non direbbe che ne siamo sul pendio? "

"Certo è però che quando l'ultima fibra fu recisa e la gamba completamente distaccata, io sentii che non apparteneva più alla vita che per metà, che tutto in me si era mutilato, sconvolto, immiserito; che io sarei rimasto nel mondo come una parte minima, come il frammento infinitesimale di un essere; che vi sarebbe sempre stata una metà di me che, già perdutasi nel gran nulla, mi vi avrebbe chiamato ad ogni istante, come avesse voluto precedermi. «Non era il dolore fisico che mi opprimeva in quel momento, non il dolore morale: era una sensazione nuova, orrenda, profonda, inesplicabile. Credo che tutti coloro che subirono una tale mutilazione abbiano sentito per metà che cosa è il morire, ne abbiano indovinato per una parte il segreto."

10 dicembre 2018

IL VECCHIO E IL MARE - Ernest Hemingway


SCHEDA

Autore: Ernest Hemingway (1899-1961)USA
Titolo: Il Vecchio e il Mare
Tit. originale: The Old Man and the Sea
Genere: Romanzo Breve (25.000 parole ca.)
Racconto lungo

Descrizione
Il vecchio e il mare (The Old Man and the Sea) è un breve romanzo, o racconto lungo, dello scrittore americano Ernest Hemingway: scritto nel 1951, fu pubblicato sulla rivista Life nel 1952. Ultima grande opera narrativa pubblicata in vita, fu premiata nel 1953 col Premio Pulitzer e contribuì a fargli ottenere il Premio Nobel per la Letteratura nel 1954, venendo citato tra le motivazioni del comitato selezionatore. La storia è semplice ma densa di evidenti simbologie: un giorno Santiago, un vecchio pescatore cubano, pesca, dopo una lotta furiosa in mare aperto, il pesce più grande della sua vita, cerca poi di portarlo verso il porto, ma gli squali poco a poco spolpano e divorano il suo gigantesco marlin; così egli torna indietro con soltanto un'enorme lisca. (Wikipedia)


ZORRO (Un eremita sul marciapiede) Margaret Mazzantini


SCHEDA

Autore: Margaret Mazzantini (1961) I
Titolo: Zorro, un eremita sul marciapiede
Mondadori 2004
Genere: Romanzo Breve (10.000 parole ca.)
Sottogenere: Monologo

Descrizione:
Zorro. Un eremita sul marciapiede è un romanzo breve di Margaret Mazzantini, pubblicato nel 2004 da Mondadori. Il libro è un lungo monologo di Zorro, un vagabondo, che ripercorre la storia della sua vita e delle scelte che l'hanno portato a vivere sulla strada e nel mentre riflette sul significato della vita. Wikipedia.