9 marzo 2021

SCIGHERA (NEBBIA) - Frame


 
SCHEDA

Autore: Frame (Franco L. Melzi)
Titolo: Scighera (Nebbia)
Genere: Racconto breve
Serie: Unici

Descrizione:
L’estate era arrivata di soppiatto e con prepotenza mi aveva subito spogliato, spremuto e prosciugato le ultime speranze di una rapida guarigione. Sfrattato dal mio letto fui relegato giorno e notte sul balcone a boccheggiare tra i gerani, la salvia, il rosmarino, in compagnia del cane e un canarino spento che, infastidito della mia presenza, si rifiutava di cantare. 

 


LA SECONDA DOMENICA DI LUGLIO - Frame



 SCHEMA

Autore: Frame (Franco L. Melzi)
Titolo: La seconda domenica di Luglio
Genere: Racconto breve
Serie: Racconti della Bassa

Descrizione:
Cecco si svegliò molto presto quella mattina, così presto che fuori era ancora buio e intorno a lui c’era un grande silenzio. Si vestì senza fare rumore, poi lasciò la stanza in punta di piedi. Quando uscì di casa il sole aveva già incendiato la cima dei pioppi lungo l’argine del fiume, ma sotto il portico sembrava ancora notte e la brezza di terra sapeva di fieno bagnato.

MELHAIEL (l'Angelo di Maria) - Frame


 

SCHEDA

Autore: Frame (Franco L. Melzi)
Titolo: Melhaiel l'Angelo di Maria
Genere: Racconto breve
serie: Unici

Descrizione:
Prima di coricarsi Maria pose accanto alla scatola con il fiocco rosso un piatto colmo di dolcetti, mandarini, frutta secca e, nello spegnere la luce, si assicurò che in cucina tutto fosse in ordine. S’infilò nel letto accanto a suo marito che dormiva ormai profondamente e chiuse gli occhi cercando d’immaginare il volto felice di suo figlio, mentre giocava col nuovo trenino elettrico.
Pensò ad altre cento cose in attesa di prendere sonno: alla spesa da fare, alla bolletta della luce da pagare, al suo capufficio, a suo marito che russava e alla lavatrice da riempire. Per la paura di dimenticarlo pensò anche al compleanno della suocera e alla fine si addormentò. Era la sera del dodici dicembre e prima che Santa Lucia bussasse alla porta, il suo cuore cessò improvvisamente di battere.



8 marzo 2021

IL CONTRATTO - Frame


 

SCHEDA

Autore: Frame (Franco L. Melzi)
Titolo: Il Contratto
Tratto da: La Stanza 213
Serie: Antologia Racconti- Poetika

Genere: Racconto - Gotico


Genere:
Era tempo di decidere. Dopo quella brutta, bruttissima giornata, il Signor Miles non aveva più dubbi: qualcosa doveva cambiare nella sua vita, e al più presto. Si tolse la camicia e dopo averla appesa con cura a una gruccia di legno, la infilò dentro l’armadio a muro dell’angusto ingresso. Indossò un maglione di lana verde bottiglia e sedette alla scrivania di fronte alla porta finestra. Fuori pioveva e le luci dell’Hotel Paradiso erano accese sulla strada deserta. Conosceva molto bene quella zona a nord del paese. Gli affari lo costringevano a pernottare sovente da quelle parti: almeno una volta al mese negli ultimi due anni, ma era la prima volta che capitava in quell’albergo.


7 marzo 2021

UN BEL FICO SECCO - Frame


 

SCHEDA

Autore: Frame (Franco L. Melzi)
Titolo: Un bel fico secco (Nonna si è fatta la badante)
Genere: Racconto breve
Serie: Unici - Inedito 2017

Descrizione:
Non dimenticherò mai la faccia di mio padre il giorno che me ne andai di casa sbattendo la porta.
Sette centimetri di rovere massello trafitti dalla sua frase preferita:
«Vattene pure, questa casa non è un albergo!»
La seconda cazzata, l’anatema più gettonato nelle ultime settimane:
«Ricorda che se te ne vai, qui non metti più piede!» mi raggiunse mentre stringevo la maniglia del portone: a un solo metro dal marciapiede, a un passo dalla strada, dove aveva previsto che un giorno sarei finito. La mia risposta a denti stretti si confuse tra il frastuono del traffico intenso nell'ora di punta e lo sferragliare del tram che, tra due file di enormi platani ignari, immobili e spogli, correva veloce verso il centro.



6 marzo 2021

A T'AL DEG (Te lo dico io !) Frame



SCHEDA

Autore: Frame (Franco Luigi Melzi)
Titolo: A t'al deg ! (Te lo dico io!)
Genere: Racconto breve
Serie: Hotel Corona

Descrizione
A t'al deg!  termine molto usato in Emila  Romagna , 
è l'equivalente di T'el disi mi, meneghino., che tradotto
italiano dovrebbe essere Te lo dico io!
E' un intercalare molto usato da Cremonini:albergatore sfigato dell'altrettanto sfigatissimo Hotel Corona.
Il povero Giulio, un giovane  portiere di notte improvvisato,
è suo malgrado protagonista incolpevole di un caso spinoso,
e per certi versi grottesco. (l'autore)


5 marzo 2021

A QUEL PUNTO DELLA NOTTE - Frame

 


SCHEMA

Autore: Frame (Franco L. Melzi)
Titolo: A quel punto della notte
Genere: Racconto breve
Serie: Hotel Corona 2016

Descrizione
Incipit: 
È quasi mezzanotte quando la porta di vetro si spalanca e una coppia male assortita entra nella hall dell’albergo. Lui è un marcantonio con il cranio rasato e lucido, lei uno scricciolo di donna che nasconde il viso dietro un baschetto alla francese di lana rossa e il bavero del cappotto dello stesso colore. Sfoderando un sorriso da cavallo il cliente si avvicina al banco della reception. È alto, dinoccolato e ondeggia anche da fermo. Appoggia le manone sul piano di marmo, dà un’occhiata in giro e poi fa: «Una matrimoniale per un paio d’ore» e ancora prima che io possa rispondere mi rifila un: «Quanto mi costa?» Così sonoro e sfacciato che costringe la donna a nascondersi tra il cardamomo e la dracena dell’ingresso.  

2 marzo 2021

LA VERITA' UCCIDE - Frame




SCHEDA

Autore: Frame (Franco L. Melzi)
Titolo: La Verità Uccide
Serie: Hotel Corona 2015
Genere Racconto Noir
N° parole: 2600 ca

Descrizione
Pino, il barista del Bar-Tabacchi, Cremonini il titolare dell’Hotel Corona e Giulio, il giovane portiere che lavora di notte per pagarsi gli studi, sono i protagonisti di queste storie di provincia un po’ mistery, a cavallo tra il giallo e il noir. La verità che uccide è tremenda e colui che ne viene a conoscenza si toglie la vita. Perché il cliente abituale dell'hotel compie un gesto così estremo? È la domanda che si pone Giulio. La verità arriverà casualmente e sarà agghiacciante, quasi incredibile, come spesso succede nella realtà.


MIA CARA ADORATA ROSETTA - Frame

SCHEDA

Autore: Frame (Franco L. Melzi)
Titolo: Mia cara e adorata Rosetta.
Genere: Racconto Breve
Serie: Storie del dottor Gallo

Descrizione:
Il dottor Gallo posteggiò la Mini proprio di fronte alla pasticceria Ferretti. In quella vetrina c’era ogni bendidio: crostatine alla frutta che piacevano tanto alla moglie - bignè alla crema di cui andava ghiotta la figlia - cannoli siciliani -  praline e pasticcini di ogni tipo e forma ma, i suoi occhi golosi non riuscivano a staccarsi da una candida e vellutata torta quadrata. La croccante sfoglia, il soffice pan di spagna, il rosso sangue dell’alchermes, e quella morbida crema alla vaniglia… Una vera goduria anche per gli occhi. La diplomatica delle sorelle Ferretti era senza dubbio la migliore di tutta la città. Lanciò un’ultima occhiata ai variopinti dolcetti di pasta di mandorle, quindi si diresse con decisione verso il fondo della via.


28 febbraio 2021

SEMPRE DI VENERDI' - Frame



 


SCHEDA

Autore: Frame (Franco L. Melzi
Titolo: Sempre di Venerdì
Serie: Storie del Dottor Gallo 2° ep.
Genere: Racconto - Noir


Descrizione:
Storia breve (6000 parole)  ambientata a Milano negli anni Settanta.

[...]Sul marciapiede di viale Corsica, Gallo annusò l’aria dolciastra dell’ultima sfornata della vicina fabbrica del Motta, lanciò uno sguardo sconsolato al traffico e, mentre decideva di lasciare l’automobile in cortile, si domandò chi fosse mai questo Ramella Giuseppe, di via dei Fossi, cinquantaquattro.

[...] A dispetto delle pessime notizie e dello smog che incupiva il cielo di primavera, i platani e gli ippocastani lungo i viali mettevano su foglie, e l’erba nei giardinetti spuntava nonostante i cani e i loro padroni la calpestassero con la stessa frequenza. Anche le facce della gente per strada non sembravano diverse da tutte le altre mattine, e il frastuono del traffico sovrastava come sempre il cinguettio degli uccellini e qualunque altro rumore intorno.




19 febbraio 2021

IL PREZZO DEL SILENZIO - Frame







SCHEDA

Autore: Frame (Franco L. Melzi)
Titolo: Il Prezzo del Silenzio  (2016)
Genere: Racconto - Noir
N° parole 3000 ca

descrizione:
È una storia di periferia violenta, dove al degrado urbano e sociale si aggiungono ricatti, estorsioni e delitti che spesso rimangono impuniti. 
Perché noir?
Il protagonista di una storia noir non è quasi mai un investigatore, ma una vittima, un sospettato o un esecutore. Una delle caratteristiche più importanti del genere è la qualità auto-distruttiva del protagonista. "Il protagonista  del noir, oltre al persecutore deve anche affrontare il sistema legale e politico che non sono meno corrotti del criminale di cui il protagonista è vittima, e/o deve perseguitare altri personaggi in una situazione senza nessuna possibilità di vincere." (fonte dal web) 




18 febbraio 2021

RACCONTI DELLA BASSA - Frame


 

Autore: Frame (Franco L. Melzi)

Titolo: Racconti del "Bassa" (2010/15)
- Miracolo a Caravaggio
- Il mestiere di fare il formaggio
- La Bianchi nera
- Bruno non correre

Genere: Raccolta - Racconti brevi

Descrizione
Racconti di taglio web, (intorno alle mille parole), scritti e pubblicati  nel periodo compreso tra il 2009 e il 2016 ca. su vari siti web quali: Club dei Poeti.it - Neteditor - Rossovenexiano - acasadiframe.net  - per citare i più frequentati in quel periodo. Rivisti e pubblicati in questa breve raccolta che riunisce i racconti legati ai ricordi dell'infanzia. Le storie sono da ritenere di fantasia, anche se traggono spunto da fatti e situazioni vissute dall'autore.
( Frame)


15 febbraio 2021

LA TORTA BLU - frame



 SCHEDA

Autore: Frame (Franco L. Melzi)
Titolo: La Torta Blu (2020)
Genere: Racconto - Giallo
Sottogenere: Racconti della "Bassa" 

Descrizione
Incipit: Al funerale di Teresa, la chiesa parrocchiale di San Giacomo era gremita come non si vedeva da tempo in quel borgo tranquillo della Bassa. Sul sagrato una piccola folla di paesani, fittavoli e contadini arrivati anche da lontano, attendevano l’uscita del feretro per porgere l’ultimo saluto alla padrona della Cascina Carlotta.  Quando il corteo funebre raggiunse il Bar della Stazione, un cliente, che sbirciava da dietro la serranda calata a metà, disse sottovoce: «Pora dona, che brutta fine».  Poi si avvicinò al bancone, ordinò un Cynar e, con lo stesso tono, aggiunse: «Ha fatto un volo di quattro metri, poteva rompersi una gamba, invece si è rotta l’osso del collo».  



12 febbraio 2021

GIMPEL L'IDIOTA - Isaac B. Singer

 


SCHEDA

Autore: Isaac Bashevis Singer (1902 - 1991)
Titolo: Gimpel l'Idiota
tratto da: una raccolta pubblicata da Longanesi nel 1966, con la traduzione di Bruno Oddera. [...]  In originale i racconti erano apparsi in lingua yiddish su riviste e giornali. Il racconto che dà titolo alla raccolta, Gimpl tam (1945) è stato il primo a essere tradotto in inglese, da Saul Bellow. (fontWikipedia)
Genere: Racconto classico

Descrizione:
Incipit:Sono Gimpel l’Idiota, ma non credo di essere stupido. Anzi. Però i compaesani mi chiamano così. Mi diedero questo nomignolo quando andavo ancora a scuola; di nomignoli ne avevo in tutto sette: imbecille, somaro, testa di rapa, tonto, allocco, sciocco e idiota. Fu quest’ultimo a restarmi appiccicato. In che cosa consisteva la mia idiozia? Mi lasciavo turlupinare facilmente.  



10 febbraio 2021

LA MADRE - Natalia Ginzburg




SCHEDA

Autore: Natalia Ginzburg (1916 - 1991)
Titolo: La Madre
tratto da: Valentino  Einaudi 1957
Genere: racconto autobiografico

Descrizione:
Incipit: La madre era piccola e magra, con le spalle un po’ curve; portava sempre una sottana blu e una blusa di lana rossa. Aveva i capelli neri crespi e corti, li ungeva sempre con dell’olio perché non stessero tanto gonfi; ogni giorno si strappava le sopracciglia, ne faceva due pesciolini neri che guizzavano verso le tempie; s’incipriava il viso di una cipria gialla. Era molto giovane...






9 febbraio 2021

DI ALLE DONNE CHE ANDIAMO - Raymond Carver

SCHEDA

Autore: Carver Raymond (1938-1988) USA
Titolo: Di alle donne che andiamo (usciamo)
tratto dalla raccolta: "Di cosa parliamo
quando parliamo d'amore" Einaudi
Genere: Racconto

Descrizione:

Versione editata da Gordon Lish.
È la storia di Bill e Jerry. Due amici del cuore fin dalle elementari. Di quelli che si comprano la macchina metà per uno e si innamorano delle stesse ragazze. Crescono. Bill si sposa. Jerry si sposa. Nascono bambini. Bill lavora nel ramo grande distribuzione. Jerry è vicedirettore di un supermercato. La domenica, tutti a casa di Jerry che ha la piscina di plastica e il barbecue. Americani normali, vite normali, destini normali. Una domenica, dopo pranzo, con le donne in cucina a riordinare e i bambini a far casino in piscina, Jerry e Bill prendono la macchina e vanno a farsi un giro. Per strada incrociano due ragazze, in bicicletta. Accostano con la macchina e fanno un po' i fessi. Le ragazze ridacchiano. Non gli danno molta corda. Bill e Jerry se ne vanno. Poi tornano… (fonte dal web)

Versione originale

Si è sempre detto che nessuno come Carver, esempio e campione quasi unico del minimalismo americano, ha saputo raccontare con la forza del ghiaccio la violenza che s’annida nel corpo della classe media americana. Ma l’originale di questa storia dimostrerebbe proprio il contrario. Leggere per credere.

versione originale